Pubblicato il Lascia un commento

Mountain Bike: Sette bici da 1199 euro in Test

Bici da enduro sentiero trail

Una volta erano le stelle della scena: quando il nostro sport era agli inizi, tutte le bici erano dotate di un carro posteriore rigido.
Il posteriore molleggiato? Musica del futuro! Non importa se da questa parte o da questa parte del grande stagno, la giovane scena MTB saltellava ovunque nei boschi. Duro ma con un cuore. Quando i primi integrali sono apparsi alla fine degli anni ’80 / primi anni ’90, non solo sembravano navi spaziali, ma funzionavano anche a un livello modesto.
Sarebbe passato ancora qualche anno, fino alla metà degli anni ’90, prima che la MTB biammortizzata capovolgesse il settore. Allo stesso tempo, le bici offrivano sempre più viaggi in sospensione ed emersero nuove categorie come all-mountain, enduro e freeride.
I tratti percorsi dai rider sono diventati più estremi. Non perché il coraggio sia solo cresciuto: Fullys ha giocato un ruolo importante nel rendere improvvisamente fattibili discese difficili, salti alti e lunghi senza romperti il ​​collo o il telaio.

Un sondaggio online tra i lettori del 2020 di Hardtrail Magazine mostra che il 70 percento utilizza prevalentemente una bici full ammortizzata.
Al momento dell’acquisto di una nuova bici, il 79 percento guarda persino alle sospensioni complete.

Bici da enduro sentiero trail

Dedichiamo un ampio argomento speciale all’hardtail. Perché?

Perché una hardtail è ancora bella e per molti la bici perfetta! Da un lato ci sono ragioni emotive. Nessun altro tipo di bicicletta riflette l’essenza della mountain bike in modo così non filtrato. Ma ci sono anche ragioni razionali a favore della sospensione posteriore rigida: una hardtail sarà sempre più leggera, più economica, meno spensierata e con meno manutenzione di una paragonabile full. Il logo che non c’è (la sospensione posteriore) non pesa nulla, non costa nulla e non si rompe.

Ottimo: stanno emergendo nuove categorie, il mondo hardtail sta diventando sempre più diversificato. Questo mostra anche la popolarità. Pertanto, ci occuperemo di tre categorie in questa recensione. Emozionante: in ognuna di esse sperimenterai il fascino della bici hardtail in modo diverso!
Ci sono le hardtail da corsa ascetiche che convertono ogni contrazione muscolare in propulsione. O le hardtail a tutto tondo che trovano l’equilibrio tra efficienza e comfort, mentre pesano e costano molto meno delle bici da turismo comparabili. Infine, ci sono le hardtail da trail, che colpiscono davvero il sentiero con geos piatti e parti robuste. A causa della situazione attuale con enormi difficoltà di consegna nel settore delle biciclette, siamo stati in grado di testare solo tre biciclette per categoria, ma le abbiamo selezionate in modo tale da mostrare anche un’ampia gamma all’interno della categoria. Infine, ti presenteremo anche altre nove alternative.

Hanno tutti una cosa in comune: acuiscono i sensi! Occorre concentrazione e lungimiranza su passaggi radicati o bloccati. Gli hardtail naturalmente non perdonano i grandi errori. Quello che potrebbe essere interpretato come un handicap è anche un vantaggio: gli hardtail sono una culla della tecnica di guida e non solo per i principianti. Anche per i motociclisti esperti con esperienza di sospensioni complete, vale la pena prendere una hardtail per affinare le proprie capacità di guida o come alternativa per condizioni avverse.
E il tuo portafoglio ti ringrazia quando devi cambiare le parti soggette a usura sul completo o il servizio di serranda obbligatorio in un secondo momento. Ad ogni modo: prova una hardtail! Sarai stupito di quanto siano divertenti questi ragazzi duri sul campo.

MOUNTAIN BIKE

Bicicletta mountain bike

Tutto sulla propulsione: gli hardtail da corsa sono veri super atleti e inseguono i secondi. Con la loro geometria ripida, gli accessori leggeri e, soprattutto, i telai leggerissimi, le hardtail da gara arrivano quasi direttamente dal blocco di partenza. Tanta high-tech ha il suo prezzo: le bici ben equipaggiate e pronte per la gara partono da circa 3000 euro, i modelli di punta sfiorano i 9000 euro, ma poi evocano pesi favolosi di meno di otto chilogrammi. Nel circus del fondo, invece, i modelli delle corse sono in qualche modo scomparsi dalla scena: a causa dei percorsi sempre più difficili, i professionisti sono più spesso su bici biammortizzate, ma i professionisti della maratona amano ancora afferrare una hardtail.

LE MOUNTAIN BIKE IN TEST:

Arc8 coinvolge

arc8 coinvolge mountain bike

Il giovane marchio svizzero sta lanciando nuove vendite in Germania nel 2021: Arc8 è dotato di un telaio in carbonio intelligente che include il passaggio dei cavi attraverso interno, prezzo da 3899 euro (bicicletta personalizzata) o 1599 euro (telaio). Prezzo da 3899 € / commercio diretto e specializzato.

Centurion Backfire Carbon

Centurion Backfire Carbon mountain bike

Il Backfire è una leggenda sulle maratone veloci: con la sua geometria classica, è sinonimo di pura propulsione, è adatto all’uso quotidiano nonostante la sua costruzione leggera e approvato per corridori pesanti fino a 135 chili. Offre anche un buon comfort nella parte posteriore. Prezzo da 2649 €

Ghost Lector SF

Ghost Lector SF Mountain bike

Sviluppato in Coppa del Mondo con la squadra femminile, il Lector è completamente orientato alla propulsione. Fantastico: la geometria “Superfit” insolitamente lunga e il supporto vario a otto pin completamente integrato. Forcella da 100 mm, dalla taglia M 120 mm. Prezzo da 2399 €

Hardtail a tutto tondo: i tuttofare

Canyon Grand Canyon 8

Canyon grand Canyon 8 Mountain bike

Che si tratti di divertimento su pista, un vivace tour dopo il lavoro o un tour prolungato: le hardtail a tutto tondo fanno una figura forte ovunque. Soprattutto per i principianti nello sport MTB, queste bici posteriori rigide offrono un grande potenziale: sono economiche e, grazie alla loro natura diretta, allenano la tecnica di guida. E le parti aggiuntive prevalentemente robuste perdonano rischi di cadute e pedalate in condizioni meteorologiche orribili e le parti soggette a usura sono più convenienti. Grandi quantità consentono molte diverse dimensioni del telaio e le hardtail a tutto tondo sono spesso approvate per pesi elevati del ciclista.

La scelta è varia. Ci sono molti modelli “classici”, orientati alla propulsione con forcella ammortizzata da 100 mm e telaio in alluminio leggero, ma anche sempre più biciclette con pratici telescopici e forcelle con escursione di 120 mm, in modo che possa nascere il vero divertimento del trail.

TRE BICI ALTERNATIVE:

Trek Procaliber

Trek procaliber mountain bike

Questa hardtail può dare comfort: grazie a un elastomero nel passaggio tra sella e tubo orizzontale, il Procaliber attutisce vibrazioni e urti. È adatto per forcelle con una corsa fino a 110 mm, ma è abbastanza leggero nel design. Prezzo da 1899 €

Giant XTC

Giant xtc mountain bike

Sulla XTC SLR, Giant combina un telaio in alluminio leggero e di alta qualità con parti ben congegnate e una geografia da turismo piuttosto conservatrice. Le ruote e la forcella ammortizzata provengono dal marchio di Giant. Prezzo da 1199 €

Bull Bushmaster

Bull Bushmaster mountain bike

La serie Bushmaster ci ha già convinto in diversi test con il miglior rapporto qualità-prezzo. L’ultima aggiunta al marchio proprio ZEG è dotata di un telaio in carbonio approvato per ciclisti di peso fino a 115 chili. Prezzo da 1649 €

Quando guardi il prezzo, il nuovo Cannondale è sorprendentemente attraente. Il modello di punta Jekyll 1 costa 6.499 euro. In cambio, il pilota di enduro ottiene un telaio Fox di alta qualità con una forcella di fabbrica 38 e un ammortizzatore di fabbrica X2. Le ruote in carbonio non sono incluse nel prezzo, gli americani anche mescolano accuratamente gli ingranaggi per creare un pacchetto attraente. Quasi economico per gli standard Cannondale è il Jekyll 2 per 4599 euro, che è dotato di una forcella Rock Shox Zeb Select e di un ammortizzatore Fox DPX2. Il kit telaio con verniciatura speciale è di 3499 euro.


PROTEGGI I TUOI OCCHI

Per la protezione dei tuoi occhi in mountain bike DEMON ha creato una linea di occhiali tecnici per tutte le avventure sulle due ruote

SCOPRI LA COLLEZIONE COMPLETA
Occhiali da Mountain Bike

Occhiali da ciclismo con lente fotocromatica specchiata rossa per bici da corsa e mountain bike modello PERFORMANCE

Pubblicato il Lascia un commento

Cannondale Jekyll 2022: bici da enduro completamente rinnovata

Bicicletta da enduro cannondale jekyll 2022

Cannondale Enduro Jekyll è una vera attrazione. Con ruote da 29 pollici, telaio in carbonio, corsa da 170 mm e forcella ammortizzata da 38 mm all’anteriore, soddisfa tutte le esigenze dell’enduro. Ma che dire della nuova cinematica con corsa delle sospensioni di 165 mm? Puoi scoprirlo qui.

In poche parole: Cannondale Jekyll (2022)

  • Enduro 29er con telaio in carbonio
  • Cinematica e geometria adattate alle rispettive dimensioni del telaio
  • Nuova cinematica con corsa di 165 mm, punto di snodo alto e puleggia
  • Prezzi tra 3499 euro (kit telaio) e 6499 euro
Bicicletta da enduro cannondale jekyll 2022

Cannondale

La nuova edizione del proiettile da enduro Jekyll è stravagante e promettente. La nuova parte posteriore in particolare molto robusta ed esteticamente impattante. L’ammortizzatore è ora posizionato in profondità nel cosiddetto tubo obliquo a doppia trave e dovrebbe garantire il baricentro della bici il più basso possibile. Un punto di articolazione alto dovrebbe garantire un movimento di deflessione all’indietro ottimale. Il cosiddetto nuovo “guidler” guida la catena sul punto di fulcro alto e dovrebbe eliminare il contraccolpo del pedale e garantire una sensazione di pedalata “morbida”.

Enduro cannondale 2021 jekyll bicicletta

Geometria moderna sul Jekyll

Ma non è tutto, la corsa delle sospensioni di 165 mm dovrebbe anche essere adattata in modo ottimale a ogni dimensione del telaio in modo che ogni guidatore possa utilizzare perfettamente la cinematica. Anche la geometria del nuovo Jekyll è adattata alle rispettive dimensioni del conducente. In altre parole, il triangolo posteriore “cresce” proporzionalmente alla parte anteriore del telaio. Un telaio di taglia L ha quindi una parte posteriore di 442 mm di lunghezza con una portata di 475 mm. Sul telaio taglia XL, la lunghezza del carro è addirittura di 450 mm, con un reach di 510 mm. Il telaio della taglia M è molto più compatto e offre un carro posteriore da 435 mm con uno sbraccio di 450 mm.

Attento alle tendenze: sulla nuova Cannondale Jekyll, l’angolo della sella è ripido a 77,5° e l’angolo della testa è bello e piatto a 64°. E: 29 pollici davanti e dietro, una forcella da 38 con corsa di 170 mm e un telaio full carbon sono ormai di serie in questo segmento. Per il momento non ci sarà la versione in alluminio.

Cannondale Jekyll 2022 Verde

Prezzi da 3499 euro a 6499 euro

Quando guardi il prezzo, il nuovo Cannondale è sorprendentemente attraente. Il modello di punta Jekyll 1 costa 6.499 euro. In cambio, il pilota di enduro ottiene un telaio Fox di alta qualità con una forcella di fabbrica 38 e un ammortizzatore di fabbrica X2. Le ruote in carbonio non sono incluse nel prezzo, gli americani anche mescolano accuratamente gli ingranaggi per creare un pacchetto attraente. Quasi economico per gli standard Cannondale è il Jekyll 2 per 4599 euro, che è dotato di una forcella Rock Shox Zeb Select e di un ammortizzatore Fox DPX2. Il kit telaio con verniciatura speciale è di 3499 euro.


PROTEGGI I TUOI OCCHI

Per la protezione dei tuoi occhi in mountain bike DEMON ha creato una linea di occhiali tecnici per tutte le avventure sulle due ruote

SCOPRI LA COLLEZIONE COMPLETA
Occhiali da Enduro

Occhiali da ciclismo con lente fotocromatica specchiata rossa per bici da corsa e mountain bike modello PERFORMANCE
Pubblicato il Lascia un commento

La nuova gamma Norco 2022 – Sospensione posteriore a perno alto per una bici da enduro

Bicicletta da enduro norco c1 2022

Dopo molti colpi di spionaggio e voci che hanno fatto il giro, Norco presenta ora la sua nuovissima gamma 2022. La bici è progettata per le gare di enduro, viaggiando su ruote da 29″ e offrendo un’enorme corsa di 170 mm. Ma quali vantaggi possono offrire la sospensione virtuale ad alto perno e la puleggia folle e quali alternative ci sono al modello di punta da 9.999 €?

2022 Norco Gamma C1 | 170/170 mm di corsa (f/r) | € 9.999

La nuova gamma 2022 Norco si basa sulla pluriennale esperienza del marchio di biciclette canadese, rilasciando il primo modello già nel 2012. Questo prima che la scena delle gare di enduro iniziasse davvero. La nuovissima gamma è stata sviluppata in collaborazione con la squadra di downhill della Coppa del mondo di Norco ed è progettata specificamente per le gare. Per il momento, sarà disponibile solo con un telaio in carbonio, che offre 170 mm di escursione all’anteriore e al posteriore. La bici da 29″ ha un design della sospensione posteriore virtuale a perno alto con una puleggia folle, che, oltre ai vantaggi di una bici a perno alto, promette di mantenere il baricentro bello e basso.

Sospensione posteriore Virtual High Pivot e puleggia folle

Norco ha già una bici ad alto perno nella gamma, la sua bici da corsa in discesa la Norco HSP, portando le cose ancora oltre con la nuova gamma. Il fodero verticale della sospensione posteriore virtuale a perno alto è collegato al triangolo anteriore in alto sopra il movimento centrale. Pertanto, il collegamento a quattro barre dovrebbe consentire alla ruota posteriore di muoversi all’indietro e in alto quando colpisce un ostacolo. Per ridurre al minimo il contraccolpo del pedale che ciò provoca, la catena è guidata attorno a una puleggia folle.

Telaio bicicletta da enduro norco c1 2022

Le varianti costruttive e la disponibilità della nuova Gamma Norco 2022

La nuova gamma Norco 2022 sarà disponibile in tre varianti di costruzione, dal modello di punta C1 all’entry level C3. Sarà disponibile anche un frameset. Hanno un prezzo compreso tra € 3.799 (set telaio) e € 9.999 (costruzione C1) e dovrebbero essere disponibili dall’autunno 2021. Tutte le biciclette offrono spazio sufficiente per una borraccia da 750 ml e sono dotate di un supporto aggiuntivo per attrezzi sul telaio.

Bicicletta norco c1 2022

Norco Gamma C1 2022 | 170/170 mm di corsa (f/r) | € 9.999

Forchetta Fox Factory 38 Grip 2 FLOAT 170 mm
Ammortizzatore posteriore Bobina di fabbrica FOX DHX2
Manubrio Divinità Skywire Carbon 800 mm
Stelo Lega 40 mm
Reggisella Contagocce regolabile OneUp
Freni SRAM Codice RSC Pastiglie Metalliche
Trasmissione SRAM X01 Eagle
Ruote DT Swiss EXC 1501 29”
Pneumatici Maxxis Assegai 2,5″ DD/Dissettore 2,4″ PESO & GG

Norco Gamma C2 2022

Norco C2 2022

Norco Gamma C2 2022 | 170/170 mm di corsa (f/r) | € 7.499

Forchetta RockShox ZEB Ultimate RC2 170 mm
Ammortizzatore posteriore Bobina di fabbrica FOX DHX2
Manubrio Divinità Ridgeline 800 mm
Stelo Lega CNC 40 mm
Reggisella Contagocce regolabile TranzX YSP-105
Freni SRAM Code R 4 Pastiglie Metalliche Pistone
Trasmissione SRAM GX Eagle
Hub DT Swiss 350
Cerchi e*tredici LG1 IT 29”
Pneumatici Maxxis Assegai 2,5″ DD/Dissettore 2,4″ PESO & GG

Norco Gamma C3 2022

Norco C3 2022

Norco Gamma C3 2022 | 170/170 mm di corsa (f/r) | € 6.199

Forchetta Caricatore RockShox ZEB R 170 mm
Ammortizzatore posteriore Bobina di fabbrica FOX DHX2
Manubrio 6061 Alluminio 800 mm
Stelo e*tredici Base 40 mm
Reggisella Contagocce regolabile TranzX YSP-105
Freni Pastiglie Metalliche Shimano BR-MT520 a 4 pistoni
Trasmissione Shimano SLX SL-M7100-R
Hub Shimano
Cerchi Stan’s Flow D 32H 29”
Pneumatici Maxxis Assegai 2,5″ DD/Dissettore 2,4″ PESO & GG

La geometria della nuova Gamma Norco 2022

La nuova gamma Norco 2022 sarà disponibile in quattro taglie dalla S alla XL. Con il loro “Ride Aligned Suspension Setup”, Norco regola anche l’angolo della testa, l’angolo del tubo sella e la regolazione degli ammortizzatori per adattarsi a ogni dimensione del telaio e quindi garantire un’esperienza di guida coerente per tutti i ciclisti. Nella taglia L, il telaio ha un raggio d’azione di 480 mm combinato con un avantreno alto (pila di 641 mm). Considerando la portata, siamo rimasti colpiti dal tubo sella super corto. È lungo solo 410 mm nella taglia L, che dovrebbe offrire molta libertà di movimento in combinazione con reggisella telescopici lunghi. Norco specifica un contagocce da 200 mm sulle taglie L e XL e promette che può essere completamente inserito. I foderi misurano 442,5 mm nella taglia L.

La geometria della nuova Gamma Norco 2022 in dettaglio

DimensioneSMlXL
Tubo superiore568 mm598 mm628 mm658 mm
Tubo sterzo100 mm115 mm130 mm145 mm
Tubo sella370 mm395 mm410 mm455 mm
Angolo della testa63,8°63,5°63,3°63°
Angolo del sedile76,5°76,8°77°77,3°
fodero basso440 mm440 mm443 mm448 mm
BB Drop20 mm20 mm20 mm20 mm
Interasse1203 mm1243 mm1285 mm1329 mm
Raggiungere420 mm450 mm480 mm510 mm
Pila618 mm630 mm641 mm653 mm

PROTEGGI I TUOI OCCHI

Per la protezione dei tuoi occhi in mountain bike DEMON ha creato una linea di occhiali tecnici per tutte le avventure sulle due ruote

SCOPRI LA COLLEZIONE COMPLETA
Occhiali da MTB per Mtb e Trail

Occhiali da ciclismo con lente fotocromatica specchiata rossa per bici da corsa e mountain bike modello PERFORMANCE
Pubblicato il Lascia un commento

Recensione: Lampada frontale Black Diamond Spot350

Lampada frontale
Black Diamond Spot350
€ 34,00, 86 grammi. (con tre batterie AAA, incluse)

L’ultimo aggiornamento di BD alla sua linea di lampade frontali Spot, sebbene incrementale, mantiene l’elevata funzionalità di questa luce per backpackers, scalatori, trail runner, sciatori di backcountry e altri utenti. Lo Spot350 ha illuminato per il tester di Hiking Resources notti senza luna durante un viaggio di rafting e kayak di sei giorni lungo il Green River attraverso Desolation e Grey canyon, dimostrando l’affidabilità e la versatilità che ha in molte avventure passate, come alzarsi prima dell’alba per combattere il caldo un viaggio zaino in spalla di 120km attraverso il Grand Canyon a maggio e mattine prima dell’alba e serate buie su una traversata di 151km del CDT nel Glacier National Park a settembre.

L’aggiornamento principale è un aumento della luminosità massima a 350 lumen, proiettando un raggio per quasi 300 piedi (BD dichiara 86 metri, o 282 piedi), abbastanza luminoso per gli scalatori che cercano un percorso di discesa al buio, i trail runner e gli sciatori di backcountry in missioni prima dell’alba e certamente per percorrere un sentiero buio. Lo Spot350 brucerà per quasi quattro ore alla massima potenza sopra tre batterie AAA.

Come prima, il design a basso profilo, caratterizzato da due pulsanti che semplificano la selezione della modalità—utilizza il pulsante più grande per l’accensione e lo spegnimento e per la funzione di regolazione della luminosità (in tutte le modalità), mentre il pulsante più piccolo alterna tre modalità: raggio bianco, modalità bianca periferica e rosso per visione notturna. Il funzione strobo si attiva quando si fa doppio clic sul pulsante grande in tutte e tre le modalità.

Tecnologia PowerTap di BD—trovato in altri fari BD—consente di toccare semplicemente il lato destro dell’involucro per passare dalla luminosità massima al livello di attenuazione impostato in precedenza. Il tecnologia di memoria di luminosità significa che lo Spot350 si accende nella modalità e nel livello di luminosità in cui è stato spento l’ultima volta.

Nel modalità di illuminazione periferica, il fascio ampio proietta la luce in modo uniforme a media intensità per organizzare l’attrezzatura o illuminare l’interno di un campeggio o di una tenda, senza macchiarsi o avere una fastidiosa macchia scura al centro. A bassa potenza, sei lumen, il raggio trasporta otto metri e BD dice che dura 200 ore con tre batterie AAA. Ho fatto numerosi viaggi di più giorni con tutti i modelli Spot, comprese le escursioni al buio e il normale utilizzo del campeggio, senza che le batterie si esaurissero.

La facile e infallibile funzione di blocco si accende e si spegne premendo entrambi i pulsanti per alcuni secondi. La classificazione IPX8 significa che è impermeabile a oltre un metro per 30 minuti.

Il fascia sottile è abbastanza larga da rimanere comoda per ore, e il vano batteria si apre facilmente con la rotazione di una piccola leva, senza bisogno di attrezzi.

Spot325 di BD differisce in gran parte dal fatto che ha una luminosità minimamente inferiore alla massima potenza – è essenzialmente impercettibile –

Il verdetto

Il Black Diamond Spot350 non è ricaricabile, ma per luminosità, versatilità, caratteristiche, peso e prezzo, è ancora un valore superiore in una lampada frontale ultraleggera per backpackers, escursionisti, alpinisti, trail runner, sciatori di backcountry e altri utenti.

PROTEGGI I TUOI OCCHI

Per la protezione dei tuoi occhi DEMON ha creato una linea di occhiali tecnici per tutte le avventure Outdoor

SCOPRI LA COLLEZIONE COMPLETA
Occhiali da Escursionismo

Escursionisti indossano occhiali da montagna con lenti fumo categoria 3
Pubblicato il Lascia un commento

Le scarpe da trail running più vendute per colore

Running e trail running demon
Running e trail running demon

Analogamente alle nostre selezioni di scarpe da strada più vendute, alla fine di ogni trimestre, ci piace anche dare un’occhiata a quali scarpe da trail running che sono state più vendute sul mercato. Le tendenze del trail running sono decisamente molto diverse dalle strade ed è comune vedere una varietà molto più ampia di marchi e stili. Dopo aver esaminato i dati, abbiamo creato un elenco delle scarpe da trail running (per colore) che hanno venduto di più durante il secondo trimestre (aprile, maggio e giugno).

Per quanto riguarda gli uomini, HOKA si è di nuovo affermata come il marchio più venduto con sei diversi modelli nella lista.
Al terzo posto c’era la Speedgoat altamente ammortizzata. La scarpa è stata una delle preferite dai tester ed è ben nota per la sua corsa fluida e la presa ultra aderente. Sebbene sia stata la scarpa da trail HOKA ha ottenuto un ottimo risultato sebbene il lancio del modello Evo Mafate potrebbe prendere il suo posto come la nuova scarpa da ultramaratona. Altre scarpe da trail HOKA includevano due colori di Napali ATR e Challenger ATR, nonché un singolo colore di Stinson ATR 4. Dal punto di vista delle prestazioni, Torrent ed Evo Jawz hanno completato l’elenco.

Anche Altra ha avuto un trimestre fantastico e ha continuato a dimostrare che il marchio zero drop è uno dei principali attori sui sentieri sterrati. Il Lone Peak 3.5 ha ottenuto il primo posto nell’elenco e ha avuto 2 colori aggiuntivi che fanno parte della top 10. Insieme a un colore individuale del robusto Timp e del veloce Superior, Altra ha terminato il trimestre con un totale di 5 scarpe nella classifica top 20.

Un’altra scarpa in lista è stata la New Balance Mt10 v1. Arrivando al n. 2 e al n. 5, la scarpa quasi a piedi nudi continua a mostrare che ci sono ancora molti trail runner che cercano un’esperienza a terra. Salomon ha piazzato 2 scarpe nella top 20 e non sorprende che entrambe facciano parte della collezione S-Lab pronta per la gara. Il Salomon S-Lab Sense Ultra ha venduto meglio arrivando al n. 4, mentre il più recente e leggermente potenziato S-Lab Ultra si è intrufolato anche nella top 16.

Occhiale da trail running lente specchiata arancio modello performance

Per quanto riguarda le donne, la lista era piena anche di HOKA ONE ONE. Otto delle prime dieci scarpe erano HOKA e abbiamo visto una selezione simile alle scelte maschili. Sebbene Altra abbia conquistato la scarpa migliore da uomo, la collaudata Brooks Cascadia 12 ha conquistato il titolo femminile. Da un punto di vista tecnico, Cascadia non è niente di rivoluzionario. Il suo design robusto e versatile lo rende un’opzione di allenamento affidabile ed è una scarpa a cui i trail runner tornano anno dopo anno. Insieme alla Cascadia, abbiamo visto la controparte per tutti i terreni dell’Adrenaline, l’Adrenaline ASR, arrivare al numero 15.

Altra ha avuto anche una buona prestazione sul lato femminile con diversi colori del Timp e del Lone Peak che hanno fatto la lista. Nessuna delle due scarpe si è classificata in cima alla lista come la loro controparte maschile, ma hanno comunque offerto numeri solidi e hanno mostrato che il marchio è un grande nome nello spazio del trail. Mentre vediamo diverse somiglianze tra le liste maschili e femminili, c’erano un paio di differenze che valeva la pena sottolineare. Un modello che abbiamo visto solo dal lato femminile era la Saucony Peregrine 8. Sebbene la scarpa abbia guadagnato un po’ di peso rispetto alle sue versioni precedenti, rimane comunque un’opzione da trail aggressiva che eccelle per il lungo raggio. Abbiamo anche visto l’agile New Balance Summit Unknown e Nike Terra Kiger completare la lista. Entrambe le scarpe sono abbastanza versatili sui sentieri, ma il loro design leggero e veloce le rende eccellenti quando scegli di aumentare il ritmo.

Analizzando i pro e i contro, il consiglio è quello di alternare nei mesi più freddi il tapis roulant per evitare infortuni dovuti dal freddo e correre all’aria aperta non appena le temperature si innalzano.
Il tapis roulant resta una valida opzione per le giornate di meteo avverso per non interrompere o modificare la tabella di allenamento.


PROTEGGI I TUOI OCCHI

Per la protezione dei tuoi occhi durante la corsa DEMON ha creato una linea di occhiali da trail running per tutte le avventure

SCOPRI LA COLLEZIONE COMPLETA
Occhiali da Trail Running

occhiali per trail running fotocromatici modello infinite optic nero con cordino elastico

Pubblicato il Lascia un commento

Test: Scarpa MTB Five Ten Trailcross XT

Scarpa five ten adidas trailcross per mountain bike
Scarpa five ten adidas trailcross per mountain bike

La nuova gamma Trailcross di Five Ten è stata progettata pensando all’avventura con le 2 ruote. Traendo ispirazione dalla gamma di scarpe per trail running Adidas TERREX e abbinandola alla performante suola in gomma Stealth, Five Ten ha creato una linea di calzature per i rider che amano allontanarsi dai sentieri battuti! Enduro Mtb Mag ha messo alla prova l’ultima arrivata della gamma, il Trailcross XT! Continua a leggere per i risultati del test!

Le scarpe sono state testate da un rider fanatico del pedale piatto, che ha messo alla prova le Trailcross XT in un autunno particolarmente umido. Immediatamente tirate fuori dalla scatola, era chiaro che questa scarpa era diversa da qualsiasi delle precedenti offerte di Five Ten.
Tutto, dal linguaggio del design ai materiali utilizzati nella tomaia traspirante, è nuovo e ha una forte somiglianza con la gamma di calzature TERREX.
Le scarpe sono abbastanza leggere, il paio del test misura 42 pesa 760 g.

Suola antiscivolo five ten trailcross xt

Puro Grip


Con la performante suola Stealth, le Trailcross XT offrono un’aderenza incredibile con il terreno e il pedale.

Five ten trailcross X! con supporto protezione caviglia

Supporto per caviglia


Sebbene queste scarpe siano leggere, Five Ten si è assicurata di includere supporto e protezione dove conta di più. Per proteggere al meglio da urti accidentali, o da movimenti innaturali.

Traspirante


La tomaia leggera e traspirante e la costruzione in mesh consente di non preoccuparsi mai dei piedi sudati. Attenzione però alle pozzanghere profonde!
La scarpa non è idroreppellente, quindi il piede si può inzuppare!

Le Trailcross XT sono fortemente influenzate dall’estetica Adidas TERREX, che potrebbe non piacere a tutti.

La parte superiore della scarpa è realizzata in mesh leggero e una tomaia traspirante, che garantisce un’ottima ventilazione.
Per testare le loro prestazioni in condizioni climatiche calde, abbiamo portato le scarpe in un viaggio a Madeira, dove si sono comportate in modo eccellente nel clima caldo, prevenendo la sudorazione e tenendoci a nostro agio in condizioni mutevoli.
Tuttavia, nell’autunno molto piovoso, il design altamente traspirante (pur essendo veloce da asciugare) non ha resistito molto alle infiltrazioni dell’acqua.

Scarpa MTB multifunzione


La suola aderente è divisa in sezioni, consentendo al Trailcross XT di dare una grande aderenza al terreno anche quando si trasporta o si spinge la bici.

Sul sentiero, una cosa è diventata subito chiara: il Five Ten Trailcross XT non ha perso grip rispetto ai suoi compagni di scuderia, attaccandosi ai nostri pedali e incollando i nostri piedi in posizione, non importa quanto fosse accidentato il sentiero. La suola stessa è divisa in tre sezioni, con le sezioni della punta e del tallone che ottengono un profilo increspato per l’aderenza al terreno. L’ampia sezione centrale occupa la maggior parte della suola ed è ricoperta dalla gomma Stealth Phantom punteggiata che tutti noi amiamo così tanto. La parte anteriore della suola è abbastanza flessibile, permettendoti di arricciare le dita dei piedi per migliorare la presa in sella e fuori dalla bici. Tuttavia, la suola sembra diventare progressivamente più rigida, ottenendo molta rigidità per l’enduro a tutto tondo e il trail. C’è anche un sacco di supporto e protezione intorno al tallone e alla caviglia, grazie a una protezione in neoprene e un tallone in schiuma che si estende intorno alla parte posteriore e ai lati della caviglia proteggendola da urti e graffi.

Il punto in cui queste scarpe da MTB entrano in scena, però, è quando ti metti in spalla la bici e continui a piedi. Sia che tu stia esplorando una linea di freeride backcountry, arrampicandoti su una paretina esposta con la bici sulla schiena o qualsiasi altra cosa, il Trailcross XT offre una presa senza precedenti praticamente senza compromessi nelle prestazioni di guida a tutto tondo.

Five Ten ha deciso di progettare una scarpa per pedale piatto per qualsiasi avventura in bicicletta e, nel complesso, vediamo la Trailcross XT come un chiaro successo! Tutto ciò che riguarda il design e l’esecuzione di queste scarpe sembra azzeccato. Dall’intelligente suola Stealth che offre un’aderenza tra le migliori della categoria sia dentro che fuori dalla bici, al design leggero con rinforzi dove serve: fai però attenzione alle pozzanghere ?.

Prezzo € 150

Top

  • Ottimo grip dentro e fuori dalla bici
  • Design intelligente e leggero
  • Comodo e traspirante per tutto il giorno

Flops

  • La tomaia traspirante lascia filtrare l’acqua: fai attenzione alle pozzanghere.


PROTEGGI I TUOI OCCHI

Per la protezione dei tuoi occhi in mountain bike DEMON ha creato una linea di occhiali tecnici per tutte le avventure sulle due ruote

SCOPRI LA COLLEZIONE COMPLETA
Occhiali da MTB per Mtb e Trail

occhiale da ciclismo con lente fotocromatica specchiata rossa per ciclismo su strada e mountain bike modello PERFORMANCE
Pubblicato il Lascia un commento

Ammortizzatore Mtb PUSH ELEVENSIX: Ultra Personalizzabile!

Ammortizzatore Push Elevensix per mountain bike personalizzabile

L’ammortizzatore PUSH ELEVENSIX è realizzato su ordinazione e messo a punto specificamente per mtb e dirt bike. Nessun altro ammortizzatore offre più opzioni di regolazione e consente più regolazioni individuali. Ma questo giustifica il prezzo allettante?

Ammortizzatore Push Elevensix per mountain bike personalizzabile
Ammortizzatore Push Elevensix per mountain bike personalizzabile

TEST PUSH ELEVENSIX: molte biciclette si comportano molto meglio con un ammortizzatore personalizzato rispetto a un modello convenzionale. A meno che il tuo cognome non sia Rude, Moir o Vouilloz, tuttavia, un’estesa messa a punto delle sospensioni e sono operazioni molto esclusive. Ma se sei disposto a spendere 1000 €, l’ammortizzatore a bobina PUSH ELEVENSIX è quello che più si avvicina alla totale configurazione personalizzata. L’ammortizzatore è costruito a mano in Colorado e messo a punto per adattarsi al meglio alla parte posteriore della bici, al peso e allo stile di guida del ciclista. Putroppo, l’ammortizzatore non è adatto a tutte le bici e compatibile solo con una manciata di bici top level. Nel test l’ammortizzatore utilizzato è per una Specialized Enduro, con rider da 95 kg di peso e lo stile di guida molto aggressivo.

Ammortizzatore artigianale mountain bike push elevensix

Guardalo e basta
ELEVENSIX è realizzato a mano in Colorado con pochissime parti lavorate a macchina: una vera opera d’arte.

Certo, la parte posteriore della Specialized Enduro offre prestazioni eccezionali anche con l’ammortizzatore FOX Float X2 standard e ha persino aiutato la bici a ottenere il badge Best in Test in vari forum dedicati all’enduro. Ma l’ammortizzatore ELEVEN SIX come si comporta sulla Specialized Enduro, che è progettata per gli ammortizzatori ad aria? È esattamente qui che entrano in gioco la tecnicità della bici, dell’ammortizzatore e molte altre stregonerie high-tech. Ad esempio, il tipico paraurti in schiuma bottom-out (che anche sull’ELEVENSIX è adattato a diversi fattori) è ulteriormente supportato da un sistema di controllo del fondocorsa idraulico e fornisce quindi uno smorzamento notevolmente maggiore nell’ultimo 15% della corsa. Ma PUSH ha un approccio completamente diverso con lo smorzamento. Anche se la leva potrebbe sembrare un normale interruttore di salita, fa molto di più che irrigidire la parte posteriore, permettendoti di passare da due impostazioni di compressione indipendenti. Su entrambi i circuiti, lo stadio di compressione ad alta e bassa velocità può essere regolato individualmente. Il rimbalzo a bassa velocità ha più personalizzazioni indipendentemente dalle impostazioni di compressione. Tutto sommato, con un totale di 118 regolazioni, potresti essere un po’ spiazzato specialmente all’inizio.

Ammortizzatore per mountainbike push elevensix completamente personalizzabile

Da molto, molto bene a WOAHHH!
Già con l’ammortizzatore FOX Float X2 standard, la parte posteriore della bici di prova Specialized Enduro offre prestazioni superbe. Solo dopo aver installato l’ammortizzatore ELEVENSIX ci siamo resi conto di quanto potenziale fosse rimasto inutilizzato.

ammortizzatore elevensix push per enduro e mtb

Compatibilità perfetta, solo per alcuni modelli
ELEVENSIX è disponibile solo per bici selezionate e adattato alla parte posteriore di ogni bicicletta. PUSH non solo regola lo smorzamento dell’ammortizzatore, ma adatta anche la forma e la posizione del piggyback per adattarlo al telaio della bici.

Ammortizzatore mtb artigianale elevensix push per enduro

Più di un interruttore di salita
ELEVENSIX consente due configurazioni di compressione completamente indipendenti che possono essere selezionate tramite la leva.

In pratica, non è troppo estremo, perché i PUSH offrono al meglio gli shock già con una configurazione di base, che, nel nostro caso, era piuttosto buona. Tutte le impostazioni di smorzamento, la rigidità della molla e il precarico sono già impostati secondo le specifiche del ciclista e un piccolo foglio di istruzioni ti aiuta a capire e regolare le impostazioni di base. Dopo aver sperimentato le impostazioni per molte uscite, il tester ha scelto di configurare NESSUNA delle impostazioni per trail, perché arriva all’inizio del sentiero principalmente con una navetta o seggiovia. Invece, ha personalizzato una configurazione per la massima aderenza ed efficienza e l’altra per fornire un sacco di supporto e le massime riserve per discese a cannone, atterraggi incasinati e scarpate. In altre parole, una modalità è ottimizzata per le gare di enduro e il terreno naturale, l’altra per i giri di super divertimento in bici. La parte migliore è che il tester può facilmente passare da una modalità all’altra semplicemente attivando una leva. Indipendentemente dall’impostazione, l’ELEVENSIX è un ottimo abbinamento per la parte posteriore della Specialized Enduro e migliora le sue prestazioni già superbe. Nonostante la molla lineare in acciaio, l’ammortizzatore non soffia mai per tutta la sua corsa e offre buone risposte. Nell’ambiente enduro, la ruota posteriore morde letteralmente nel terreno e fornisce una trazione sufficiente per le linee dei rider più audaci. Anche con uno smorzamento significativamente maggiore, il PUSH ELEVENSIX è ancora in grado di far fronte ai dossi più impervi, grandi Jump del tuo bike park.

 

Il PUSH ELEVENSIX è l’ammortizzatore più costoso che abbiamo mai utilizzato in una MTB e forse eccessivo per la maggior parte dei Rider. Tuttavia, se guidi la stessa bici su diversi tipi di terreno o sei semplicemente stanco delle limitate possibilità di ammortizzatori standard, il PUSH ELEVENSIX è un ammortizzatore a bobina unico che offre un significativo aumento delle prestazioni.

Top

  • Perfettamente regolabile per adattarsi alla bici e al rider
  • Due configurazioni individuali
  • Eccellente controllo del fondocorsa

Flops

  • Prezzo molto elevato
  • Disponibile solo per alcuni modelli

Prezzo: € 1.200,00 ( 997,00€)
Peso: 943 g 


PROTEGGI I TUOI OCCHI

Per la protezione dei tuoi occhi in mountain bike DEMON ha creato una linea di occhiali tecnici per tutte le avventure sulle due ruote

SCOPRI LA COLLEZIONE COMPLETA
Occhiali da MTB per Enduro

occhiale da ciclismo con lente fotocromatica specchiata rossa per ciclismo su strada e mountain bike modello PERFORMANCE
Pubblicato il Lascia un commento

Trek E-Caliber: Elettrica per Cross Country e Mtb

Nuova trek e-cailber-2021
Nuova trek e-cailber-2021
Nuova trek e-cailber-2021

Cross-country ed e MTB: vanno insieme? Quando si tratta di Trek, sì! Abbiamo le prime informazioni sul nuovissimo Trek E-Caliber, che segue il dibattuto Supercaliber nel settore del cross-country.

In poche parole: Trek E-Caliber (2021)

  • E-MTB leggera con corsa di 120 mm all’anteriore e, grazie a uno speciale ammortizzatore Iso-Strut, 60 mm al posteriore
  • Unità Fazua con supporto massimo di 55 nm e un’autonomia fino a 70 km
  • L’intero motore può essere rimosso (è possibile risparmiare 2,8 kg)
  • Peso: a partire da 15,8 kg
  • Prezzi: da 6799 a 12999 euro

Il marchio statunitense del Wisconsin ha fatto scalpore lo scorso anno con l’XC-Bike Supercaliber, in cui un ammortizzatore sviluppato insieme a Fox è integrato in modo spettacolare nel tubo orizzontale. Gli americani stanno ora elettrizzando questa meraviglia tecnica e trasformandola in una E-MTB con tecnologia tedesca!

Nuova trek e-caliber 2021 forcella fox

Delicatezza: l’ammortizzatore “Isostrut” è completamente integrato nel tubo orizzontale.

All’interno del nuovo E-Caliber, funziona il motore Evation di Fazua, che è più un gentile vento in coda di supporto e non una spinta brutale alla Bosch & Co. Ciò è sottolineato anche dai dati chiave dell’unità Munich: 55 Nm di coppia, 250 Wh di potenza della batteria, solo 2,8 kg di peso del sistema. Il clou di Fazua: la batteria e il motore possono essere completamente rimossi in modo che la E-Trek diventi una bici XC senza motore in pochissimo tempo. Oltre al motore, l’E-Caliber riceve anche altri aggiornamenti: invece di 100, ora è disponibile una corsa di 120 mm all’anteriore, mentre il posteriore rimane a 60 mm. L’angolo di sterzata si appiattisce a 67,5 °, lo sbraccio aumenta di 15 mm in tutte le taglie di telaio. L’insolita E-MTB con radici cross-country dovrebbe essere ancora più adatta ai sentieri senza sacrificare l’agilità e la manovrabilità.

L’e-MTB fa cross-country

Sono disponibili cinque modelli da 6499 euro ciascuno in quattro varianti colore. Mentre il modello entry-level monta parti solide a livello Shimano-XT, il modello di punta 9.9 XX1 AXS impressiona con parti di fascia alta e pesa solo 15,8 chili.

Trek e-caliber novità 2021

Il mini computer mostra il livello della batteria e passa tra le modalità di guida “Breeze”, “River” e “Rocket” con la semplice pressione di un pulsante.


PROTEGGI I TUOI OCCHI

Per la protezione dei tuoi occhi in mountain bike DEMON ha creato una linea di occhiali tecnici per tutte le avventure sulle due ruote

SCOPRI LA COLLEZIONE COMPLETA
Occhiali da MTB per Bici Elettrica

occhiale da ciclismo con lente fotocromatica specchiata rossa per ciclismo su strada e mountain bike modello PERFORMANCE

Pubblicato il Lascia un commento

Test pedali da trail con attacchi: questi modelli sono i migliori

Test pedali da mountain bike
Pedali per bici da trail ed enduro
Pedali per bici da trail ed enduro

Pedali con attacchi da Trail: quale modello offre il pieno controllo?
Massima sicurezza per divertirti in Mountain Bike

Il controllo è tutto, sia nella vita che sul sentiero. Non c’è da stupirsi che, nonostante alcuni dei vantaggi dei pedali flat, la maggior parte dei rider predilige per un legame saldo con il proprio preferito: il pedale con aggancio. La maggior parte di loro utilizza modelli leggeri e per i segmenti cross-country e touring. Tuttavia, se stai cercando un supporto ancora più sicuro e una maggiore protezione per il meccanismo a scatto, ti consigliamo di leggere con attenzione questa guida per poter scegliere il pedale più idoneo alle tue esigenze e tasche. Tutti i pedali del test promettono una connessione ideale alla scarpa, quindi la migliore trasmissione di potenza e tuttavia un’uscita facile in situazioni difficili. Spoilier: tutti i pedali del test hanno soddisfatto le aspettative.

In generale, tutti i candidati hanno una gabbia attorno al meccanismo di clic. Con alcuni pedali (HT, Shimano, Time) questa è “solo” pura auto-protezione per proteggere il meccanismo da urti eccessivi – la dimensione non aumenta. A Crankbrothers, DMR, Funn, Magped, Tatze e Xpedo, d’altra parte, le scarpe di prova erano a volte più, a volte meno sulla gabbia di aggancio. Dipende anche dalla scarpa o dalla suola. Possono esserci grandi differenze a seconda della loro forma, spessore e, soprattutto, durezza. Se possibile, dovresti quindi controllare prima di acquistare se la scarpa e il pedale calzano alla perfezione. Di norma, non è consigliabile indossare scarpe dal fondo poco ammortizzante, perchè potrebbero dar fastidio alla pianta del piede nelle vibrazioni e sollecitazioni. Inoltre, a causa della loro suola rigida, le scarpe XC sono generalmente troppo rigide per beneficiare della maggiore superficie di contatto delle gabbie.

Quando si tratta di attacchi, DMR, Funn, Tatze, Shimano e Xpedo si affidano allo standard “SPD” inventato da Shimano, provato e testato da decenni e regolabile in durezza. Crankbrothers, HT, Time e Magped fanno affidamento a progetti interni sviluppati in modo indipendente, con il sistema HT molto simile a quello di Shimano. Crankbrothers e Time utilizzano una struttura a staffa. Con l’Atac 8 bisognerà far più pressione per far scattare la gabbia. Con il nobile Mallet di Crankbrothers, l’ingresso è più facile, ma l’uscita è un po’ meno semplice. Ma queste non sono differenze enormi. Magped, d’altra parte, ha un approccio completamente diverso, si affida a un magnete nel pedale che può essere regolato in due punti di forza invece di un legame meccanico. Invece della tacchetta, le piastre metalliche allungate sono avvitate sotto la scarpa. Sembra insolito – e va così per i primi metri. Il pedale largo, alto e, in confronto, molto pesante ricorda più un pedale piatto con una posizione completa grazie a 14 perni per lato – ma con un certo “clic”.

Crankbrothers Mallet E LS

Pedale da trail crankbrothers mallet e LS

Crankbrothers

Crankbrothers Mallet E LS

Lavorazione di alta qualità e bella da vedere: la Mallet E è una delizia. L’ingresso si sente un po’ “liscio” rispetto a Shimano & Co. e grazie alla staffa l’attacco è preciso e resistente allo sporco. Piuttosto ampia libertà di movimento, ma il pedale sembra quasi “lento”. La stabilità (6 pin per lato) è ottima, ottimo anche il peso. Vincitore del test!

I dati tecnici del Mallet E LS:

  • Peso: 433 g
  • Dimensioni (L x A x P): 77 x 95 x 18 mm
  • Lunghezza asse: 108,3 mm
  • Prezzo: 170 euro
  • Risultato del test: molto buono (vincitore del test pedali MOUNTAINBIKE)

DMR V-Twin

Pedale per mountainbike DMR V-Twin moritz schwertner

DMR V-Twin

Il grande e pesante DMR fa una “figura scattante”: i perni opzionali permettono letteralmente alla scarpa di aderire al pedale. Il meccanismo mobile è leggermente inclinato verso l’alto, facilitando così l’ingresso. In generale, l’attacco funziona bene, ma non del tutto al livello Shimano. La configurazione è piuttosto complicata, la regolazione dell’attacco è difficile da settare.

I dati tecnici del V-Twin:

  • Peso: 558 g
  • Dimensioni (L x A x P): 81 x 107 x 23 mm
  • Lunghezza asse: 107 mm
  • Prezzo: 180 euro
  • Risultato del test: buono

Funn Ripper MTB

Pedale da trail mtb funn ripper mtb

Con un meccanismo oscillante compatibile con SPD, il Funn non è diverso dal DMR. Con una base leggermente più ampia, è leggermente migliore nel supporto della scarpa, ma non ha altrettanta buona presa (perni smussati). L’entrata e l’uscita sono a un livello da buono a molto buono. Ma: anche qui la configurazione è piuttosto laboriosa. Comparativamente poco costoso.

I dati tecnici del Ripper MTB:

  • Peso: 554 g
  • Dimensioni (L x A x P): 93 x 101 x 23 mm
  • Lunghezza asse: 117 mm
  • Prezzo: 139 euro
  • Risultato del test: buono

HT T1

Pedale per mountain bike HT T1

Il meccanismo HT è simile allo standard SPD, ma funziona a un livello molto buono solo con le tacchette in dotazione: offrono un galleggiamento di 4 ° o 8 °. Come con il pedale XTR, la gabbia è più una protezione che una superficie di appoggio; i perni corti sulle scarpe di prova non sono entrati in contatto con la suola. Elaborato chic, leggero. Quasi “molto buono”, più per gli amanti del trail.

I dati tecnici del T1:

  • Peso: 368 g
  • Dimensioni (L x A x P): 68 x 92 x 32 mm
  • Lunghezza asse: 102 mm
  • Prezzo: 149 euro
  • Risultato del test: molto buono

Magped Enduro

Pedale da enduro piatto magped enduro

Magped Enduro

In confronto agli altri pedali Magped Enuduro, è un pedale molto grande e pesante con un sistema magnetico unico. La configurazione relativamente complessa con 14 pin e due punti di forza magnetici. Una volta regolato, il pedale offre un’ottima presa e, a seconda della piastra utilizzata, la funzione non è dissimile dal meccanismo a scatto. Funziona bene anche come pedale piatto puro.

I dati tecnici del Magped Enduro:

  • Peso: 556 g
  • Dimensioni (L x A x P): 96 x 110 x 17 mm
  • Lunghezza asse: 111 mm
  • Prezzo: da 149 euro
  • Risultato del test: molto buono

Shimano XTR PD-M9120

Pedale per Mountainbike Shimano XTR PD M9120

Shimano XTR PD-M9120

Con il pedale XTR, Shimano ha un modello molto leggero e perfettamente funzionale nella sua gamma. Fare clic su dentro e fuori è facile e veloce. Shimano offre anche tacchette con diverse direzioni di scatto. L’adattabilità è ottima. Nessun pin: la gabbia protegge “solo” l’attacco e non ha toccato nessuna delle scarpe tassellate. Come l’HT, è più un trail che un pedale da enduro.

I dati tecnici dell’XTR PD-M9120:

  • Peso: 394 g
  • Dimensioni (L x A x P): 72 x 106 x 30 mm
  • Lunghezza asse: 104 mm
  • Prezzo: 170 euro
  • Risultato del test: molto buono

Paw mc fly

Pedale mtb e enduro paw mc fly

Il pedale più leggero in prova, squisitamente elaborato. L’attacco è perfettamente regolabile e compatibile con SPD, funziona molto bene ed è alla pari dell’originale. I perni generano molta presa, ma non sono compatibili con tutte le suole delle scarpe, quindi è difficile entrare e uscire dall’attacco. Ottimo mix di qualità e “praticità”!

I dati tecnici del Mc Fly:

  • Peso: 358 g
  • Dimensioni (L x A x P): 68 x 69 x 30 mm
  • Lunghezza asse: 101 mm
  • Prezzo: 149 euro
  • Risultato del test: molto buono (consigliato da acquistare)

Time Atac Speciale 8

Pedale da enduro time atac speciale 9

Time Atac Speciale 8

Pedale molto ben elaborato, massiccio, ma comunque leggero. Come Crankbrothers, Time si affida a una gabbia che sembra ulta solida in entrata e uscita, ma a seconda di quanto fosse sporco il percorso nel test, non sempre ha fatto presa immediatamente. Stabilità da buona a molto buona, è possibile avvitare 4 perni su ciascun lato. La vite di regolazione per l’attacco è minuscola.

I dati tecnici dell’Atac Speciale 8:

  • Peso: 397 g
  • Dimensioni (L x A x P): 73 x 99 x 37 mm
  • Lunghezza asse: 98 mm
  • Prezzo: 150 euro
  • Risultato del test: buono

Xpedo GFX Neo

Pedale da enduro con aggancio xpedo GFX Neo

Xpedo GFX Neo

L’Xpedo è l’unico pedale nel test realizzato con un corpo in nylon con un attacco compatibile SPD incorporato, che spinge un po’ il peso. I piccoli perni di plastica racchiusi nel corpo del pedale sono solo leggermente affilati, ma grazie all’ampia superficie hai una posizione molto buona. Entrare e uscire funziona alla grande. Relativamente poco caro.

I dati tecnici del GFX Neo:

  • Peso: 446 g
  • Dimensioni (L x A x P): 91 x 99 x 26 mm
  • Lunghezza asse: 114 mm
  • Prezzo: 130 euro

Conclusione del test

Indipendentemente dal pedale sceglierai: i pedali del test sono tutti ottimi pedali. I vincitori dei test Crankbrothers, DMR, Funn e Xpedo con le loro gabbie grandi e “scattanti” offrono molto controllo e presa. Se stai “solo” cercando un po’ più di area di contatto e protezione, puoi scegliere i modelli più leggeri di HT, Shimano o Time. Il pedale combina l’ottimo compromesso di entrambi i mondi, mentre l’insolito Magped è consigliato per i precedenti “click-grouches”.

Test pedali da mountain bike
Test pedali da mountain bike

I pedali mostrano le loro caratteristiche solo sul sentiero, motivo per cui abbiamo dato il massimo peso nella valutazione alla parte pratica.

Prima di tutto, tutti i pedali sono stati pesati in coppia, il peso compresi i perni inclusi con il 15 percento contribuisce alla valutazione complessiva. Abbiamo utilizzato i pesi del test del pedale piatto nel numero 10/20 come benchmark. Abbiamo quindi regolato i pedali per adattarli sia alla scarpa che al rider; questa configurazione (di solito richiesta solo una volta) ha una quota piuttosto bassa del punteggio finale al 10%. Molto più importante è l’aggancio sgancio. Abbiamo quindi valutato ciascuno dei tre criteri con il 25%. Per fare ciò, ogni pedale doveva affrontare un percorso di prova di circa otto chilometri che consisteva in parti uguali di tratti tecnici in salita e in discesa.


PROTEGGI I TUOI OCCHI

Per la protezione dei tuoi occhi in mountain bike DEMON ha creato una linea di occhiali tecnici per tutte le avventure sulle due ruote

SCOPRI LA COLLEZIONE COMPLETA
Occhiali da Ciclismo

occhiale da ciclismo con lente fotocromatica specchiata rossa per ciclismo su strada e mountain bike modello PERFORMANCE

Pubblicato il Lascia un commento

Maglie per mountain bike: come scegliere una maglia per MTB

maglie per mtb scegli la migliore
maglie per mtb scegli la migliore
maglie per mtb scegli la migliore

Mentre acquistiamo principalmente maglie per avere il perfetto look, le migliori maglie per mountain bike ti terranno caldo in inverno e fresco in estate.

Scegli la migliore maglia per mountain bike. In questa guida vedremo cosa considerare quando scegli il tuo prossimo acquisto a manica corta, manica 3/4 o manica lunga. Cosa indossare sulla parte superiore del corpo durante la pratica della MTB può essere un dilemma complicato. Non solo devi considerare la solo tua principale disciplina, ma anche le condizioni meteorologiche e ricercare il massimo livello di comfort.

Vestibilità perfetta per la maglia da mountain bike

L’adattamento può essere un fattore piuttosto difficile e personale. Ma il punto principale è che la maglia della misura giusta non dovrebbe limitare i tuoi movimenti quando sei sulla bici. Di conseguenza, una maglia troppo stretta potrebbe rendere più difficili i movimenti, specialmente nei cambi di direzione e rendere poco piacevole l’uscita.

Maglie per mountain bike quali scegliere

Che tipo di guida fai?

DownHill, all-mountain / trail riding e XC racing, ogni disciplina ha il proprio abbigliamento e look.

Tipicamente, le maglie specifiche per il DownHill sono leggere, ariose e molto larghe per adattarsi alle protezioni sotto. L’evoluzione della maglia da DownHill ricorda molto l’abbigliamento da motocross sia nello stile che nella vestibilità. Una maglia da DownHill potrebbe anche avere delle toppe rinforzate in aree che potrebbero impattare in caso di caduta.

Le maglie da enduro o da trail comprendono la più ampia varietà di stili e caratteristiche tecniche. Tendenzialmente rappresentano un abbigliamento ibrido da brand a brand, alcuni più orientati verso il downhill altri più improntati su abbigliamento aderente tipico della MTB classica.

Normalmente realizzati con tessuti più spessi di una maglia DownHill, ma con tessuti molto ventilati e creati per espellere il sudore e gestire in modo efficace la temperatura.

I tagli possono essere semplici come maglie stile t-shirt di base a quelli che incorporano  tasche e cerniere per una maggiore ventilazione.

Le maglie XC Race sono solitamente molto simili alle maglie da ciclismo su strada, essendo molto aderenti per eliminare lo sfregamento del materiale e per non ostacolare il ciclista. Le tasche posteriori sono un must per trasportare ricambi e cibo.

 Meteo variabile significa maglie diverse per mountain bike

Come con qualsiasi tipo di abbigliamento, le esigenze variano in base alle condizioni meteorologiche e ai cambiamenti stagionali.

Durante le uscite più fredde o più umide, una maglia diventa uno strato intermedio che sarà combinata ad una giacca esterna più protettiva. Quindi una maglia termica o antivento è la scelta ideale per trattenere il calore corporeo specialmente a temperature particolarmente rigide.

La maggior parte delle maglie termiche presenta zip complete o mezze zip e un tessuto molto più spesso. Il caldo ovviamente richiede tessuti più sottili e ventilati con la maggior parte dei rider che sceglie le versioni con le maniche corte.

Maglie per mountain bike scegli la migliore

Maglie per mountain bike e regolazione della temperatura

Ognuno di noi ha specifiche “condizioni ottimali”, ciò che intendiamo è che sentiamo le temperature in modo diverso e la maggior parte di noi sa percepisce e affronta il caldo e il freddo in modo diverso.

È il motivo per cui potresti vedere un ciclista indossare una maglia apparentemente più leggera sulla neve, rispetto a un altro avvolto in quattro strati in una giornata di sole.

Se indossi uno zaino, una maglia con parte posteriore in rete e senza tasche è la soluzione più comoda da poter scegliere.

Non esiste quindi la “maglia perfetta” ideale per ogni situazione ma bisogna scegliere più prodotti per ogni stagione e possibile meteo.
Ci si può aiutare sulla scelta di marchi e modelli in forum specializzati in base alla disciplina che si pratica, dove altri utenti raccontano le proprie esperienze e consigliano il materiale con cui si sono trovati meglio.


PROTEGGI I TUOI OCCHI

Per la protezione dei tuoi occhi in mountain bike DEMON ha creato una linea di occhiali tecnici per tutte le avventure sulle due ruote

SCOPRI LA COLLEZIONE COMPLETA
Occhiali da Mountain Bike

occhiale da ciclismo con lente fotocromatica specchiata rossa per ciclismo su strada e mountain bike modello PERFORMANCE